Chi Siamo

Chi SiamoProduciamo vino (almeno) dal 1792...

Da sempre il nostro vino è prodotto esclusivamente da uve dei nostri vigneti, raccolte a mano e selezionate per ottenerne la qualità necessaria a consentire la produzione di un vino naturale, con basso contenuto di solfiti

1792 è la data in cui fu costruito il palazzo oggi sede dell’azienda e all’interno del quale sono collocate le cantine che ne costituiscono l’area più ampia.

Il palazzo fu concepito proprio come l’estensione della cantina: una cisterna nascosta circonda infatti le fondamenta consentendo di avere una refrigerazione naturale e costante durante tutti i periodi dell’anno.

01La Nostra Filosofia

Nasce dalla voglia di avere in cantina vini che ci piacciono e poterli condividere con Voi, provando le stesse nostre emozioni.

02Le Nostre Tecniche

La cura del Nostro vino nasce dalla cura che abbiamo per le nostre viti. Solo da un’uva sana può nascere un vino naturalmente buono.

03Pratiche Green

Controlliamo lo sviluppo delle nostre viti mediante il controllo di un sistema di intelligenza artificiale basato su misure di parametri metereologici che ci consente di minimizzare l’utilizzo di prodotti fitosanitari.

Viaggio nel TempoLa Nostra Storia

Una storia lunga secoli, ripercorriamo insieme alcune date fondamentali per la nostra famiglia…

1792
Un ramo della famglia del Pozzo, nota dal 1400, da Napoli si portò a Montoro dove acquistò terreni agricoli su cui ancora oggi vi sono i ruderi di un castello costruito in epoca longobarda e rifatto tra XIV e XV secolo.
1885
Il Cavaliere Raffaele del Pozzo pubblica a Napoli, il manuale pratico di Viticoltura e Vinificazione.
1960
E' ad opera dell'Avvocato Mario del Pozzo che nei primi anni '60 introduce l'utilizzo di macchine agricole per la coltivazione e la raccolta, rinnovando la tradizione.
2012
L'attuale titolare è l'Ingegnere Antonio del Pozzo, succeduto al padre nel 2012, che se ne occupa attivamente coadiuvato dalla moglie Francesca
Se siete in due ed ordinate una bottiglia di vino, e la bottiglia non finisce, i casi sono due: o il vino non è buono oppure la compagnia è sbagliata... Avv. Mario del Pozzo